Pubblicato il: 20.12.2023

Aggiornato il: 10.01.2024

Operatore Macchine Utensili e CNC: le domande più frequenti

operatore meccanico omu cnc domande frequenti

L’operatore OMU e CNC è una figura fondamentale per l’industria metalmeccanica. Oggi rispondiamo alle domande più frequenti su tale professione: chi è, cosa fa, quanto guadagna, come si diventa e perché intraprendere un percorso di formazione dedicato.

 

Chi è l’operatore OMU / CNC?

L’operatore alle macchine utensili (OMU), spesso chiamato anche addetto alle macchine CNC o più genericamente operatore meccanico, è una figura professionale specializzata nell’utilizzo di macchinari industriali (torni, frese, rettificatrici, sistemi a controllo numerico computerizzato e altri utensili) necessari alla produzione di componenti metallici.

Si tratta di un mestiere qualificato che svolge attività prevalentemente pratiche: la preparazione della postazione di lavoro, il posizionamento dei pezzi grezzi, l’avviamento delle macchine e il controllo del loro funzionamento durante i cicli di lavorazione.

L’operatore OMU possiede competenze specifiche per leggere i disegni tecnici e convertire le informazioni in precise istruzioni operative, monitorando costantemente lo stato di avanzamento della produzione e intervenendo prontamente in caso di problemi.

 

Cosa fa l’addetto alle macchine utensili?

L’operatore macchine utensili svolge diverse mansioni essenziali per la produzione industriale metalmeccanica. Nello specifico, l’addetto OMU/CNC si occupa di:

  • Preparare le attrezzature, gli utensili e i macchinari da utilizzare in produzione;
  • Effettuare l’attrezzaggio delle macchine ed installare gli utensili adatti;
  • Caricare i programmi sui sistemi a controllo numerico computerizzato;
  • Avviare, supervisionare e gestire l’intero ciclo di lavoro, verificandone la conformità;
  • Intervenire prontamente in caso di problemi o difetti rilevati, eliminando gli scarti;
  • Controllare il pezzo finito tramite adeguati strumenti di precisione, per assicurare il rispetto degli standard qualitativi e delle tolleranze dimensionali;
  • Compilare la documentazione di produzione con i dati delle lavorazioni.

L’operatore meccanico si assicura dunque che i macchinari industriali eseguano in autonomia il processo produttivo: è in grado di supervisionare lo stato delle lavorazioni, intervenire quando necessario e garantire il rispetto degli standard prefissati.

operatore macchine utensili cosa fa

Quanto guadagna un operatore meccanico?

La retribuzione dell’operatore macchine utensili può avere alcune oscillazioni, a seconda delle dimensioni dell’azienda che lo assume, ma tipicamente è maggiore rispetto allo stipendio medio di operatori in altri settori. Questo è possibile perché:

  • L’inquadramento previsto dai CCNL Metalmeccanica garantisce stipendi medi più alti;
  • All’aumentare degli anni di esperienza possono scattare aumenti periodici consistenti;
  • La capacità di gestire macchinari più complessi, come centri di lavoro CNC a 5 assi, può far ottenere bonus di produzione, benefit aziendali o retribuzioni maggiori;
  • Il lavoro su turni, festivi o straordinari è normalmente previsto da contratto e, di conseguenza, viene retribuito con una maggiorazione della paga oraria.

Trattandosi di una mansione sempre più richiesta dalle aziende in ottica di ricambio generazionale, l’addetto OMU e CNC ha grandi possibilità di crescita professionale.

 

Quante ore lavora un addetto CNC?

L’orario di lavoro di un operatore CNC è solitamente organizzato in turni, anche notturni o durante i festivi, data la necessità di garantire la piena operatività dei macchinari. Ogni turno in genere ha una durata di 8 ore: in una settimana si alternano 5-6 giorni di lavoro e 2-1 di riposo, ma possono essere previsti anche orari spezzati con pause a metà turno.

In base al contratto collettivo di settore, l’orario settimanale è di 40 ore: eventuali surplus vengono retribuiti come lavoro straordinario o recuperati in periodi successivi. Ne consegue che la figura dell’operatore OMU e CNC richiede una certa disponibilità e flessibilità, opportunamente compensate, per far fronte alle esigenze di produzione industriale.

omu cfp trissino corso professionale

Perché fare l’operatore meccanico?

Il lavoro di operatore meccanico offre interessanti prospettive occupazionali e possibilità di crescita. Ecco alcuni motivi per cui vale la pena diventare addetto OMU e CNC:

  • Richiesta di mercato: c’è una domanda in costante crescita da parte delle aziende metalmeccaniche, che si traduce in numerose opportunità lavorative;
  • Stipendio appagante: la retribuzione consente notevoli margini di aumento legati alla produttività, alle competenze acquisite e all’esperienza maturata;
  • Sbocchi occupazionali: un OMU può trovare impiego come addetto alla produzione e alla manutenzione, come programmatore CAD/CAM o anche come formatore;
  • Soddisfazioni professionali: gestire macchinari complessi in autonomia e vedere i risultati del proprio lavoro sono solo alcune delle tante gratificazioni del mestiere;
  • Opportunità di carriera: partendo dal ruolo di operatore si possono poi ricoprire posizioni di maggiore responsabilità, da capo turno a responsabile di produzione.

L’operatore OMU svolge una professione solida, concreta e con ottime prospettive, sia per un primo impiego che per costruire una carriera nel settore metalmeccanico.

 

Come si diventa addetto OMU / CNC?

Il percorso formativo più comune per diventare operatore OMU e CNC è dato dai corsi triennali di qualifica professionale, erogati dai Centri di Formazione Professionale, con la possibilità di un’ulteriore specializzazione grazie al 4° anno per il diploma di Tecnico per la Programmazione e Gestione degli Impianti di Produzione – Indirizzo Sistemi.

I programmi prevedono lezioni teoriche di metalmeccanica, programmazione CAD/CAM, sicurezza e controllo qualità, alternate ad esercitazioni di laboratorio dove si apprendono le tecniche operative sui macchinari industriali. È inoltre previsto uno stage formativo presso le aziende del territorio, dove fare esperienza direttamente sul campo.

CFP Trissino offre un percorso triennale completo per Operatore Meccanico, e la specializzazione prevista al 4° anno per acquisire il diploma di Tecnico CNC: il corso formativo permette di acquisire solide competenze tecnico-operative, grazie a docenti qualificati e a laboratori tecnologicamente avanzati messi a disposizione degli studenti.

La qualifica in Operatore Meccanico apre le porte a notevoli opportunità di lavoro: le rilevazioni regionali confermano un tasso di occupazione del 100%, dimostrando che il diploma triennale viene riconosciuto e apprezzato da grandi e piccole imprese.

Scegliere di diventare operatore OMU e tecnico CNC significa intraprendere una direzione professionale lungimirante: il percorso di CFP Trissino è l’ideale per ricevere una formazione completa ed immergersi subito nel mondo del lavoro. Scopri il nostro corso triennale e contattaci per saperne di più!