Pubblicato il: 21.03.2024

Imprenditorialità giovanile: perché scegliere la pasticceria e la panificazione artigianale

cfp trissino corso formazione panificazione

L’imprenditoria giovanile rappresenta una risorsa preziosa per l’economia italiana: i giovani imprenditori portano freschezza, proattività e una mentalità aperta all’innovazione.

Questo loro spirito intraprendente, unito ad un contesto favorevole in termini di formazione, opportunità e accesso ai finanziamenti, può contribuire in modo significativo allo sviluppo economico di numerosi settori e alla creazione di nuovi posti di lavoro.

In questa panoramica si inseriscono la pasticceria e la panificazione artigianale: due forti capisaldi del Made in Italy, con ampi margini di crescita per le nuove generazioni.

 

L’imprenditoria giovanile e le occasioni in Italia

Per definizione, l’imprenditorialità giovanile comprende le attività commerciali avviate e gestite da persone sotto i 35 anni di età: giovani particolarmente capaci e propensi ad identificare le opportunità di business, per trasformarle in realtà economiche concrete.

I giovani imprenditori sono ragazzi motivati e dinamici, che decidono di intraprendere un percorso imprenditoriale nonostante le tante possibili avversità: scommettono sul loro talento, sulle loro competenze e sulle loro idee per creare qualcosa di nuovo e di valore.

cfp trissino corso pasticceria

In particolare, in Italia, l’imprenditoria giovanile è una risorsa preziosa per la pasticceria e la panificazione: il nostro Paese vanta una ricca tradizione culinaria, e una grande attenzione alla qualità degli ingredienti e alle tecniche artigianali. Un’occasione unica per i giovani che desiderano avviare la propria attività.

Secondo i dati di Confartigianato, oltre il 20% delle 86.000 imprese artigiane alimentari in Italia operano proprio nel comparto della panificazione, con 17.514 realtà che danno lavoro a 65.000 addetti. L’Italia, inoltre, è il primo paese europeo per commercio estero di dolci da ricorrenza, pari a 717 milioni nel 2021 e con una crescita annua del 25,3%.

 

I vantaggi dei giovani imprenditori nel settore

I giovani imprenditori portano una ventata di aria fresca nel comparto della panificazione e della pasticceria artigianale, sfruttando alcuni vantaggi competitivi che li definiscono:

  • La creatività e la propensione al cambiamento, che permette di stare al passo con i trend emergenti e con le nuove tecnologie di produzione;
  • L’energia, la passione e la voglia di mettersi in gioco per creare una propria realtà, diversa dalle altre e ben riconoscibile sul mercato;
  • La dimestichezza con i nuovi canali online (social media, e-commerce, siti web, ecc.) per farsi conoscere e raggiungere nuovi clienti;
  • La loro freschezza di idee e il loro sguardo rinnovato su un settore tradizionale, per differenziarsi dall’offerta più classica;
  • Il grande potenziale di innovazione e originalità trasmessa nei prodotti, nei format di vendita e nei servizi accessori;
  • La capacità di intercettare i nuovi gusti e le tendenze del pubblico più giovane.
cfp trissino giovani panettieri pasticceri

 

Come affrontare le sfide di una giovane impresa

Indubbiamente, nonostante i vantaggi, l’imprenditoria giovanile in questo campo deve fare i conti con diverse sfide. La prima grande difficoltà è reperire i finanziamenti e gli investimenti iniziali, necessari per avviare una pasticceria o un panificio artigianale.

Gli ingenti costi per l’avvio, dall’affitto dei locali alle attrezzature professionali, rappresentano un primo scoglio per i giovani imprenditori: questa barriera finanziaria può però essere in parte attenuata grazie agli incentivi pubblici, come i più recenti decreti MASAF del 2024.

cfp trissino pasticceria formazione

Un’altra sfida cruciale è gestire da subito tutte le responsabilità imprenditoriali nonostante la giovane età: amministrazione, risorse umane, aspetti legali e burocratici. In questo senso, un corso di imprenditorialità giovanile può fornire alcune basi essenziali ai ragazzi che desiderano muovere i primi passi nella propria autonomia lavorativa.

Infine, per un giovane imprenditore può essere arduo costruire rapidamente una rete di contatti e partnership strategiche. A questo proposito, i centri di formazione professionale collaborano quotidianamente con importanti aziende e realtà del settore, per supportare i ragazzi ad entrare nel mondo del lavoro.

 

L’importanza della formazione professionale

Come accennato, un percorso formativo mirato rappresenta un passaggio fondamentale per gli aspiranti pasticceri o panificatori: la solida preparazione tecnica nel settore, così come l’inserimento lavorativo sin dalla giovane età, sono due presupposti imprescindibili.

In Italia esistono diverse realtà formative di eccellenza a livello regionale, in particolare i centri di formazione professionale: oltre ad assolvere l’obbligo formativo, i corsi triennali e quadriennali forniscono competenze sia teoriche che pratiche, per proporsi rapidamente come professionisti qualificati nel settore della pasticceria e panificazione.

Una formazione completa che consente ai giovani di “imparare facendo”, e di partire con solide basi per realizzare il sogno di un’attività indipendente nel campo dell’arte bianca.

cfp trissino corso formazione panificazione

 

Opportunità e storie di successo in CFP Trissino

Il corso professionale di CFP Trissino per Operatore alla Trasformazione Agroalimentare (3° e 4° livello EQF) è prova di tutto ciò: il valore della formazione specialistica si arricchisce di esperienze concrete nel contesto lavorativo, assieme alle opportunità offerte dalla scuola per agevolare i giovani nell’avviare la propria attività.

Da anni, infatti, CFP Trissino propone agli allievi il corso “Giovani & Impresa: un vero e proprio ponte tra formazione e lavoro, che finora ha coinvolto 21 scuole tra Vicenza e Treviso e a cui hanno partecipato più di 5000 ragazzi. Oltre a nozioni specifiche sull’imprenditoria, il corso punta a sviluppare le soft skills chiave per il successo lavorativo, invitando i ragazzi a progettare insieme la propria start-up.

Un esempio concreto di giovane impresa del territorio, che ben dimostra l’efficacia del nostro approccio formativo, ci viene inoltre offerto da Nicola Dirupo: ex-allievo di CFP Trissino che, dopo aver lavorato per celebri pasticcerie locali come Olivieri 1882 e Da Venicio, è oggi titolare della propria fiorente attività, la Pasticceria Dirupo di Chiampo.

CFP Trissino mi ha dato più delle sole competenze tecniche – racconta Nicola – Il vero valore aggiunto sono state le persone, i contatti e le connessioni create grazie all’enorme coinvolgimento e apertura dei professori, e dei loro laboratori, verso questo settore”.

Se desideri intraprendere un percorso formativo d’eccellenza sulla Panificazione e sulla Pasticceria, scopri tutti i dettagli del corso professionale per Operatore alla Trasformazione Agroalimentare e contatta la nostra scuola per saperne di più!