Pubblicato il: 23.04.2024

10 motivi per cui diventare pasticcere (con la formazione professionale)

diventare pasticceri come perchè farlo

Il lavoro del pasticcere è fatto di passione ed emozioni, di voglia di mettersi in gioco, di esperienze sul campo e di una solida preparazione alle spalle.

Abbiamo parlato con Laura, titolare della Pasticceria Origine di Valdagno, e con Simone e Tommaso, due ex-studenti del 4° anno al CFP Trissino che oggi lavorano nel suo team, dei 10 motivi validi per cui diventare pasticceri e del ruolo della formazione professionale.

pasticceria origine laura gonzo

1. La figura del pasticcere è tornata alla ribalta

Il mestiere del pasticcere sta vivendo un periodo di rinnovata popolarità, anche grazie a programmi televisivi che permettono ad un pubblico più ampio di apprezzare l’abilità, la creatività e la dedizione con cui è possibile creare delizie per gli occhi e per il palato.

E la pasticceria acquisisce sempre più fama e prestigio non solo in Italia, ma anche all’estero: i pasticceri sono apprezzati per la loro capacità di unire tradizione e innovazione, creando dolci che affondano le radici nella tradizione culinaria italiana ma con un tocco moderno e creativo. La grande richiesta di questa professione apre numerose opportunità lavorative per i pasticceri, che possono esportare il loro talento ovunque.

2. Il piacere di creare con le proprie mani

Per un pasticcere, il valore sta nel creare qualcosa di speciale partendo da pochi ingredienti: farina, uova, zucchero, burro.

Con le proprie mani e un po’ di fantasia, questi elementi si trasformano in deliziosi dolci dai profumi invitanti e dai decori raffinati: torte decorate con glasse lucenti, croissant sfogliati e croccanti, mousse morbide e vellutate, bignè ripieni e molto altro ancora.

C’è una soddisfazione unica nel veder nascere un’opera d’arte interamente artigianale, lavorando gli ingredienti con pazienza e cura.

Impastare, cuocere, modellare e decorare non sono solo semplici gesti, ma fonti di grande orgoglio e appagamento personale.

pasticcere come diventare

3. Rendere speciali i momenti di gioia dei clienti

Al di là della creazione dei dolci, la professione del pasticcere ricopre un ruolo molto più profondo: rendere uniche e speciali le occasioni felici delle persone. Ogni dessert preparato da mani esperte diventa il protagonista di ricorrenze ed eventi importanti.

I dolci sono in grado di scaldare il cuore e strappare un sorriso: poter essere la mente e le mani dietro queste deliziose emozioni è un privilegio per un pasticcere. Che si tratti di una riunione familiare, un compleanno, un anniversario o una nascita, la pasticceria contribuisce a creare ricordi indelebili e momenti di felicità indimenticabili.

4. Tante strade da percorrere per i propri interessi

La pasticceria è un mondo vastissimo, con tante strade diverse da percorrere in base alle inclinazioni e agli interessi personali.

Un aspetto entusiasmante di questa professione è la possibilità di specializzarsi in tantissimi ambiti a seconda delle proprie passioni e capacità.

Chi ama l’arte della decorazione può scegliere di diventare un Cake Designer, mentre chi invece predilige il lusso e l’eccellenza potrebbe formarsi come Pastry Chef.

E ancora, il mondo della cioccolata artigianale e della confetteria fine è l’ideale per lo Chef Chocolatier, mentre gelati, sorbetti e semifreddi sono il regno dello Chef Glacier.

5. Un mondo di svariate opportunità lavorative

Le possibilità occupazionali sono praticamente infinite per chi intraprende la carriera del pasticcere: i luoghi di lavoro tradizionali sono naturalmente le pasticcerie artigianali, i panifici e le panetterie, ma le porte sono aperte anche per i ristoranti, le grandi aziende del settore alimentare e dolciario, gli alberghi di lusso e persino le navi da crociera.

Infine, per i pasticceri più intraprendenti, l’obiettivo potrebbe essere quello di aprire un giorno la propria attività; mentre per chi predilige l’insegnamento, le scuole di formazione professionale sono sempre alla ricerca di docenti volenterosi e preparati in pasticceria.

6. Poter unire la teoria all’esperienza pratica

Per diventare un pasticcere professionista non basta la sola teoria, ma è fondamentale acquisire esperienza direttamente sul campo.

Ed è proprio la combinazione tra teoria e pratica che rende i percorsi di formazione professionale completi ed efficaci.

“La formazione professionale riveste un ruolo cruciale nel fornire un’esperienza pratica e concreta ai giovani pasticceri – dice Simone Sella – che vada oltre alla teoria: permette loro di comprendere appieno le dinamiche di un laboratorio di pasticceria reale.”

“Credo fermamente che l’impegno e la passione siano gli ingredienti chiave per il successo dei giovani in questo campo – dice Tommaso Neresini – e la formazione professionale rappresenta certamente un importante valore aggiunto.”

pasticceria professionale

7. Avere la possibilità di sbagliare e imparare

Un aspetto chiave dei centri di formazione professionale è la possibilità di sperimentare, anche sbagliando, in un ambiente sicuro come quello di una classe o di un laboratorio, e quindi di “imparare facendo” con la guida e il supporto di docenti esperti.

Simone considera la formazione professionale “ottima come solida preparazione di base, pur consapevoli che il mondo lavorativo reale presenta complessità maggiori.”

E secondo Tommaso “la formazione professionale non può replicare perfettamente l’ambiente lavorativo, dove gli errori devono essere minimizzati. Tuttavia, permette agli studenti di imparare proprio dagli errori in un contesto protetto e costruttivo.”

8. Ambienti stimolanti e creatività a tutto gusto

Frequentare un corso di formazione nella pasticceria significa non solo acquisire competenze tecniche, ma anche immergersi in un ambiente di studio estremamente stimolante e motivante per chiunque abbia una vera passione per l’arte dolciaria.

Le lezioni non sono solo nozionistiche, ma anzi, sono più delle esperienze pratiche indispensabili dove gli studenti possono dare sfogo alla propria creatività e manualità.

Studiare in un ambiente del genere permette di respirare l’atmosfera e il lavoro della pasticceria artigianale fin dal percorso formativo, sviluppando una grande motivazione per il mestiere.

Laura Gonzo ci racconta di aver “notato immediatamente che gli stagisti erano motivati, intraprendenti e umili. Questi aspetti influenzano positivamente il team, creando un clima di lavoro stimolante dove ognuno è spinto a dare il massimo.”

9. Dalla scuola al lavoro in tempi rapidissimi

Una delle principali ragioni per scegliere un centro di formazione professionale è la possibilità di inserirsi molto rapidamente, e con ottima preparazione, nel mondo del lavoro.

Il corso di Panificazione – Pasticceria prevede diverse opportunità di stage e alternanza scuola-lavoro direttamente all’interno di aziende del territorio: un’opportunità impagabile per i giovani di fare un’esperienza concreta on-the-job prima ancora di diplomarsi.

Sull’importanza del sistema duale, Simone afferma che “il tirocinio è necessario poiché offre un’idea concreta, sebbene limitata, del lavoro reale”. E Tommaso aggiunge che “l’apprendistato pratico è fondamentale, in quanto consente di sperimentare in prima persona le dinamiche lavorative e prepararsi adeguatamente alla carriera futura”.

10. Un prezioso bagaglio di contatti e formazione

Infine, frequentare una scuola professionale di pasticceria permette di entrare a far parte di una rete estremamente preziosa di contatti utili per il proprio futuro lavorativo. Docenti esperti, invitati speciali e titolari d’azienda con cui sviluppare possibili collaborazioni al termine del percorso di studi, nell’ottica di lifelong learning.

Che si tratti di destreggiarsi tra le nuove tecnologie o imparare i trend più attuali, la formazione permanente è la chiave per rimanere sempre competitivi in questa professione.

Agli studenti, Simone consiglia vivamente di “studiare con dedizione, prestare estrema attenzione durante le lezioni e non esitare a fare domande: bisogna cogliere ogni opportunità per imparare.”

Riguardo la formazione continua, il consiglio di Tommaso è di impegnarsi costantemente in ogni aspetto: se la passione per questo mondo è autentica, è fondamentale studiare incessantemente per rimanere al passo e diventare eccellenti professionisti.

Ti interessa scoprire di più sul nostro percorso di studi? Visita la pagina del corso di Panificazione e Pasticceria di CFP Trissino e fai il primo passo verso questa professione!